COME VESTIRTI BENE: LA VERITA’.

Se dai un’occhiata on-line, trovi più consigli di ortofrutta per vestirti bene che alla Conad. Sei a pera, a mela, a peperone, arancia, avocado? O peggio: sei rettangolare, a clessidra, a triangolo, triangolo invertito…Insomma, la prima parte è stare allo specchio e decidere a cosa assomigli. Il che evidenzia sempre le parti “meno belle”, quelle da “nascondere”, quello che “non ti puoi mettere”. Ne esce un risultato finale in cui, alla fine della fiera, la scelta non è molto ampia, diciamo la verità. E, soprattutto, ci lascia sempre un po’ deluse. Perché quel vestito che tanto ci piaceva, pare che per noi sia proprio vietato. Eppure non è proprio così. Costruire il tuo outfit perfetto comprende tante variabili di solito sconosciute ai più. E sono molto divertenti, ti assicuro.

Che forma ha il tuo corpo? Tutti ti dicono che devi capirlo prima di poter scegliere un outfit
basta sentirti una frutta per vestirti bene

PARTI DA QUELLO CHE “VORREI MA NON POSSO”

Certo, non tutto sta bene a tutti. L’abito non fa il monaco. La veste copre gran difetti. Vesti un legno pare un Regno. Le abbiamo dette tutte, abbiamo la coscienza a posto e possiamo parlare di COSA E’ VERAMENTE IMPORTANTE: tu, cosa vorresti indossare? Cosa ti incuriosisce, ti fa battere il cuore davanti a quella vetrina, lo cerchi su Zalando ogni giorno ma lo lasci nel carrello perché non hai il coraggio di comprarlo? Eccolo, quello è il tuo vero punto di partenza. Perché vestirsi non è solo coprire il corpo; è PARLARE DI TE. Parlarne agli altri ma, prima di tutto, a te stessa. E quello a cui rinunci non dovrebbe essere lasciato lì.

QUEL CAPO PUO’ AIUTARTI A VESTIRTI BENE

Vestirti bene può significare tante cose. Ma la peggiore è ESSERE COME GLI ALTRI TI VOGLIONO. Il che significa non solo indossare per forza un capo perché ce l’hanno tutte (primo errore) ma anche NON indossarlo perché (qualcuno dice) non puoi permettertelo. Mettiamo che tu abbia deciso che tanto, m proprio tanto, vorresti anche tu un tubino aderente. E mettiamo che non sia consigliato se hai i fianchi morbidi perché li evidenzia; o se ce li hai dritti perché li evidenzia. O se hai la pancetta, indovina perché…

Verità N.1: un particolare di noi, se evidenziato bene anziché nascosto, può diventare un alleato.

Verità N.2: si parte dal singolo capo e si costruisce attorno una magia.

donna di colore con mano poggiata sul fianco, indossa un tubino aderente che evidenzia i fianchi morbidi
perchè nasconderti per vestirti bene_pinterest

COME RENDERE “QUEL” CAPO ADATTO ANCHE A TE

Hai scelto il tubino, e tubino sia. Se i fianchi sono morbidi evita magari stampe eccessive o colori fluo, ruches o balze; insomma allegro ma non troppo come una sinfonia. Al contrario che sono dritti ti potrai opermettere anche il tartan rosso, i voilant e i pois. Se c’è la pancia (come per il 90% delle donne), prediligi la vita alta: fa magie, ti senti subito la Loren. La vita alta super approvata anche per i fianchi mediterranei; ringraziamo chi l’ha riportata in voga.

foto di donna con fianchi stretti che indossa un tubino grigio, delle sneackers e una giacca in pelle. basta poco per vestirti bene
fianchi stretti e tubino: come vestirti bene_pinterest

COSA SCEGLIERE IN ABBINAMENTO PER VESTIRTI DAVVERO BENE

Se vuoi vestirti davvero bene, non serve evitare un indumento, ma creare armonia tra tutto quello che indossi per diventare bellissima. Abbiamo scelto la gonna, finalmente è tua. Adesso abbiniamo il top in base alle regole di cui sopra e al nostro amato tubino. Se è in tinta unita, più sobrio, sopra sceglieremo una blusa, una camicia, una t-shirt più vistosa e di un colore che valorizza il tuo incarnato (mai quello che è di moda, ma quello che sta bene a te. Se va di moda il beige e tu sembri più morta che viva lascia perdere). Idem con la giacca: un cardigan lungo, un blazer over-size (cioè le giacche abbondanti) andrà benissimo su fianchi dritti. Mente qualcosa di più corto su fianchi morbidi. Ti sembra l’OPPOSTO? eh sì, perché evidenziare è un’arte, nascondere una banalità spesso peggiorativa.

donna con forme morbide indossa abito stretto grigio con sandali borchiati rossi. vestirti bene è amarti
vestirti bene è come amarti_pinterest

E GLI ACCESSORI? SERVONO SEMPRE PER VESTIRTI BENE

Altro argomento sottovalutato sono GLI ACCESSORI. Perché aldilà della geometria, un singolo accessorio può rendere un abbinamento unico o banale. Hai presente t-shirt bianca/denim/collana giusta? Ecco, intendo questo. L’accessorio ti permette di SPOSTARE L’ATTENZIONE su una parte del corpo a favore di un tuo pregio e mimetizzare quello che ti mette a disagio. O, ancora, sottolineare con ironia proprio un difetto e renderlo il tuo TRATTO DISTINTIVO, ciò che ti rende SPECIALE E UNICA. Penso ad un cerchietto gioiello indossato da chi ha orecchie a sventola. Tornando al tuo tubino aderente, le scarpe lo renderanno speciale e armonizzeranno il tutto; le calze metteranno in evidenza le gambe (sì, anche le tue). Perché è molto più sessy una calza a microrete sotto un tubino austero che una gonna lunga e larga se hai una taglia curvy.

donna indossa jeans stressi e una blusa bianca. ha forme morbide e lunghi capelli mossi. tiene in mano una borsa nera. ecco come vestirti bene
jeans stretti e fianchi larghi:come vestirti bene_pinterest

HAI CAPITO COME VESTIRTI BENE?

Siamo tartassate dal giudizio e dal divieto che manco alla scuola materna ci sentivamo così. Il nostro corpo e il nostro outfit deve seguire le REGOLE DELLA MAGREZZA, DELLA PERFEZIONE, e mai dell’amore verso noi stesse. Il BUONGUSTO e l’ELEGANZA sono una cosa; se il capo dei tuoi sogni fossero gli shorts inguinali non ti direi “mettili tranquilla, l’importante è avere 15 anni dentro”. Ma voglio invitarti a RIFLETTERE su ciò che ti permetti o meno di indossare e su quanto questo CONDIZIONI il tuo modo di vestirti bene DAVVERO. Cioè mettendo in risalto la TUA bellezza unica, il tuo corpo unico e la tua PERSONALITA’. Questo non è mai da dimenticare; il tuo abbigliamento parla di te anche quando vai a fare la spesa in tuta. Credi di non farcela? Prova con 1 CAPO ALLA VOLTA, con il metodo inverso che ti ho suggerito: ti sorprenderai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *