PAURA DI ESSERE GIUDICATI:DA DOVE ARRIVA E COME SUPERARLA

Non mentiamo a noi stesse: la paura di essere giudicati ci accompagna da sempre . Se ci pensi bene, ci sei cresciuta. La scuola, la famiglia, in primis: venivi giudicata in base a standard che non avevi deciso tu ma che erano considerati oggettivi e migliori di altri. Ma oggi, che sei adulta, che ti confronti con la realtà che tu (credi) di aver creato in autonomia, quel pensiero che ruolo ha nella tua vita? Ti spaventa, ti blocca, lo ignori? Scopriamo insieme quanto incide sulla tua personalità e sull’idea che hai di te stessa.

la paura di essere giudicati fa parte della nostra crescita e incide fortemente sulla nostra personalità
la paura di essere giudicati è normale _pinterest

LA NOSTRA REALTA’ E’ SEMPRE FILTRATA

Siamo convinti che quello che vediamo e valutiamo sia oggettivo, ma non c’è niente di più SOGGETTIVO di quello che ti circonda. Questo perché TRASFORMI LA REALTA’ in ciò che PENSI DI ESSA. E’ un’interpretazione selettiva, che non può contenere tutto lo scibile ovviamente. Il problema è che sul quella realtà artificiale fondi GIUDIZI e APPREZZAMENTI. Prima di tutto su te stessa. E, soprattutto, nel momento in cui crei quella realtà utilizzi le immagini e le idee che coinvolgono i giudizi degli altri. Ci avevi mai pensato? Sono sicura di no, perché niente ci sembra più certo della realtà che osserviamo e in cui ci muoviamo.

VEDERSI CON GLI OCCHI DEGLI ALTRI

Siamo così abituate a riconoscere dentro di noi l’autorevolezza del GIUDIZIO DEGLI ALTRI, da utilizzarlo sempre. Come i bambini che a forza di essere definiti monelli si comportano come tali. La realtà, la nostra realtà personale, è sorretta sempre da un dialogo interiore e, in quel dialogo, la paura di essere giudicati è preponderante ma celata dal senso comune,dal sentito dire, dall’educazione. Che donna sei diventata, quanto sei bella, magra, in forma. Che madre sei, che moglie o compagna. Sei brava nel tuo lavoro, l’ha scelto seguendo la tua passione o l’idea che te ne sei fatta? Tutto questo, che normalmente definisce il tuo IO di fronte al mondo, non è mai davvero pulito dal giudizio altrui. SIAMO COME CREDIAMO CHE GLI ALTRI CI VEDANO. E questo porta spesso anche ad una forte autocommiserazione, in cui pensi di non meritare il meglio

la paura di essere giudicati pesa sulla formazione della tua personalità. Ti ritrovi ad essere quello che gli altri vogliono.
la paura di essere giudicati pesa sulla tua personalità?_pinterest

LA FIDUCIA IN TE STESSA E’ SOLO TUA

In questo modo cerchi la fiducia in te stessa negli occhi di chi hai di fronte, nel giudizio degli altri. Anzi, nel modo in cui lo percepisci. Perché se sei sicura che il tuo corpo non può essere considerato piacevole dagli altri, se le immagini esterne ti rimandano continuamente un’idea di perfezione che non ti appartiene, finirai inevitabilmente a costruire la tua realtà proprio su quelle. Nel mondo che hai costruito inconsapevolmente non sarai mai bella o brava abbastanza, proprio come a scuola. La paura di essere giudicati è sempre viva. Ma, è NECESSARIO, che la FIDUCIA IN TE STESSA passi dai tuoi occhi, non dagli occhi di chi hai di fronte.

COME LIMITARE IL GIUDIZIO DEGLI ALTRI NELLA TUA VITA

Sono sincera, non credo che la pressione sociale e familiare si possano cancellare dalla nostra vita. Ma credo che si possa avere uno sguardo DISITERESSATO anzi, DISTACCATO prima di tutto verso te stessa. Bisogna, cioè, avere la capacità di porsi all‘esterno di noi stesse e di osservarsi con amore. Cosa diresti ad una cara amica, se dovessi aiutarla a descrivere la sua realtà? Ecco, quell’amica SEI TU. Non si possono evitare la pena e l’affanno del giudizio degli altri, ma puoi imparare a non indulgervi, a non sguazzarci dentro nel pieno dell’AUTOCOMMISERAZIONE. Solo così è possibile superare la limitazione della tua realtà, e iniziare a vivere la propria vita a pieno. Solo così la paura del giudizio degli altri può essere metabolizzata e superata. Anche in questo caso è necessario proiettare all’esterno paura e rabbia, ma rendersi forti cambiando la percezione di se stesse. Solo INNALZANDO il LIVELLO DI PENSIERO, puoi riappropriarti della tua vera dimensione di sopravviveza.

la paura di essere giudicata non può impedirti di vedere la tua intima realtà.
sii artefice della tua realtà_pinterest

SEI QUELLO CHE TI DICI DI ESSERE

A cosa serve questo faticoso liberarsi dalla falsa realtà? A riappropriarsi di se stesse, delle PROPRIE SCELTE e dei propri DESIDERI. Immagina di poter scegliere o decidere come se esistessi solo tu, solo quello che ti fa felice: sembra impossibile vero? Perché inevitabilmente, la paura di essere giudicati ti limita. Perché prima di te stessa, metti avanti CIO’ CHE GLI ALTRI POTREBBERO PENSARE di te e di quella scelta. Di te e del tuo corpo. Di te e del tuo compagno/a. Tutti abbiamo certe idee che devono essere infrante prima di dichiararci liberi. E tra quelle idee, il giudizio degli altri ha un peso massimo, prima che te ne renda conto. Prova a fare questo esercizio, a chiederti quanto pensi agli altri (e con altri intendo da tua madre alla società in generale) ogni volta che parli di te stessa e della tua realtà. E adesso prova a descriverla senza pensarci. Che ne dici?

prova a descrivere te stessa come se fossi libera dalla paura di essere giudicati
prova a descrivere te stessa_pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *