stylish woman on chair with fan

OGGETTIVAZIONE E AUTO-OGGETTIVAZIONE: COSA SONO E PERCHÈ CI RIGUARDANO

Forse ne avrai sentito parlare, o letto qualche articolo. Oggettivazione e Auto-oggettivazione sono due fenomeni che ci riguardano direttamente anche se non ne siamo consapevoli. E la consapevolezza, lo sai, è l’unica arma che hai per riprenderti la libertà sul tuo corpo.

tre amiche sono sedute su un prato con la testa poggiata l'una sulla spalla della l'altra.
Conosci oggettivazione e auto-oggettivazione?Photo by JESSICA TICOZZELLI on Pexels.com

OGGETTIVAZIONE: COSA SIGNIFICA.

Oggettivare, rendere un oggetto. In quanto caso, il tuo corpo.

La teoria dell’oggettivazione ipotizza che l’eccessiva esposizione a rappresentazioni di immagini femminili perfette, sensuali, con canoni estetici uniformanti, spinga le donne a considerare il proprio corpo come un oggetto. Qualcosa al di fuori di se stesse; qualcosa da rendere sempre più simile a quelle immagini.

Perchè, se ovunque vedo immagini che mi suggeriscono un unico modo per essere bella e attraente e facile associale a quello l’unico “modo giusto”. Più il mio corpo è simile, più sarò desiderabile, apprezzata e amata.

AUTO-OGGETTIVAZIONE: LA DIRETTA CONSEGUENZA

Quello che cerco di ottenere dal mio corpo, diventa anche il mio modo di valutarmi e giudicarmi. Il mio corpo-oggetto assume valore di per sè. Facci caso; ogni volta che ti specchi per caso ad una vetrina, che ti sistemi i capelli per strada, è come se dentro te sapessi che in quel momento stanno guardando proprio te. Ti capita mai?

A me ancora sì. Anche se, la consapevolezza, mi fa rendere conto del mio comportamento e mi consente di dissociarmi.

Ma, tornando ad oggettivazione e auto-oggettivazione, sono due meccanismi subdoli perchè non facilmente identificabili nei tuoi comportamenti quotidiani. In fondo, se mi faccio bella allo specchio, è per piacermi di più. Non fa una piega. Quello che fa le pieghe, è il risultato sulla tua autostima e l’idea che il tuo corpo sia separato da te: abbia un valore, identificato dagli altri, a prescindere dal resto.

Sai cos’è il resto? È il tuo carattere, i tuoi sogni, le tue competenze, la tua storia, la tua vita. La tua bellezza è tutto questo.

COSA OGGETTIVAZIONE E AUTO-OGGETTIVAZIONE FANNO SU DI TE.

L’arrivo dei social ha enormemente ampliato questa pratica; se da sempre è stato, purtroppo, comune attribuire alle donne dei canoni estetici riconoscibili, oggi oggettivazione e auto-oggettivazione sono esasperate dal successo di foto e immagini in cui i corpi con più like e quindi, più apprezzati, sono aderenti a certi standard eccessivamente uniformanti. Labbra carnose (ho solo fatto qualche punturina), nasi piccoli, punto vita sottile in modo inverosimile rispetto a fianchi perfettamente rotondi. Se non sei così, non puoi essere bella. Questo non è solo il messaggio implicito dell’oggettivazione sessuale del corpo femminile ma è quello che tu dici a te stessa allo specchio. Auto-oggettivazione.

Se solo fossi più magra in questo punto…potrei mettere proprio quel vestito che ho visto a quella su Insta. Si sono carina, ma con vorrei fare qualche punturina per le labbra, così per averle più carnose. Una cosa naturale!

I filtri bellezza, i commenti degli haters, i cuori: tutto concorre alla creazione di un’immagine digitale femminile ancora più performante e perfetta. A tal punto che se una donna mette una foto in cui si vede la cellulite o i pori sulla pelle del viso viene definita “coraggiosa”. Coraggiosa?! Essere se stesse è un atto di coraggio? Ebbene mi rendo conto che, per chi ha la paura costante di non essere approvato, mostrarsi e amarsi è un atto di ribellione.

E allora ribelliamoci. Facciamolo insieme

PRENOTA LA SETTIMANA GRATUITA E SCOPRI DI COSA SEI CAPACE

donna nascosta dietro lenzuolo bianco. si vedono solo labbra e naso. la chirurgia plastica sono effetto di oggettivazione e auto-oggettivazione
hai mai pensato di cambiare qualcosa di te per essere più simile alle immagini dei social?

COSA FARE PER DIFERNERSI.

Dico difendersi perchè sì, siamo vittime. Perchè ci è sempre chiesto di essere altro da quello che siamo o che sentiamo di essere. Perchè sappiamo che il nostro corpo verrà giudicato sulla base di una serie di canoni che non abbiamo deciso noi! E che molto spesso, quegli stessi canoni, generano la fragilità su cui l’industria della bellezza riempie le sue casse. Perchè se ovunque vedi che la cellulite non è bella né normale, prima o poi la crema anti-cellulite la proverai anche tu. Come abbiamo fatto tutte. I movimenti, anche on-line. che cercano di aprire gli occhi alle donne, che cercano di dare voce ad una bellezza che sia inclusiva sono molti. Ve ne segnalo alcuni alla fine dell’articolo.

Anche il mio percorso nasce per questo : per liberarti. Perchè solo la consapevolezza ti rende libera di scegliere quello che vuoi per il tuo corpo. Fosse anche la chirurgia, ma devi essere tu e solo tu a decidere cosa vuoi comunicare attraverso il tuo corpo. E sapere che sei bellissima qualsiasi scelta dovessi fare.

Ecco gli account che puoi seguire:

https://www.instagram.com/belledifaccia/

https://www.instagram.com/iononmenevergogno/

https://www.instagram.com/ditch__the__diet/

https://www.instagram.com/thebirdspapaya/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao, sono Annamaria

Se vuoi scoprire di più...
scopri chi sono

I MIEI ULTIMI ARTICOLI

SOCIAL MEDIA: